Partecipazione a Forum PA 2021

Quest’anno Teleconsys parteciperà a Forum PA, l’evento digitale dedicato all’innovazione della Pubblica Amministrazione che si terrà dal 21 al 25 giugno. L’edizione di quest’anno è caratterizzata dall’arrivo del Piano Nazionale di Ripresa e Resilienza e avrà un focus sulle opportunità che questo Piano potrà generare per il nostro paese .

Il Presidente di Agostino Angeloni e il CEO Marco Massenzi racconteranno la visione e le soluzioni di Teleconsys e per affrontare la sfida di innovazione che il Piano presenta in un seminario dal titolo “Next Generation Italia: il ruolo della PA per costruire un Paese anti-fragile“.

Il seminario sarà in onda il 23 giugno alle 15, per iscriverti visita il sito di ForumPA 2021

 

https://www.teleconsys.it/teleconsys-sponsorizza-il-master-homeland-security/

Teleconsys sponsorizza la XIII edizione del Master in Homeland Security

https://www.teleconsys.it/teleconsys-sponsorizza-il-master-homeland-security/

È giunto alla XIII edizione il Master universitario di II livello Homeland Security dell’Università Campus Biomedico di Roma. Da oltre 10 anni il master in Sistemi, metodi e strumenti per la security e il crisis management, si distingue per essere sempre all’avanguardia nella formazione in ambito security. 

L’obiettivo del Master è formare professionisti specializzati sulle ultime tecnologie in ambito security e intelligence, in grado di rispondere, grazie anche al contributo delle aziende partner, alle attuali esigenze delle organizzazioni e alla domanda del mercato del lavoro. 

Oltre a promuovere il master, Teleconsys parteciperà alle attività di docenza con un intervento del suo Chief Information Security Officer, Mirko Leanza. 

La sponsorizzazione del Master rientra nella collaborazione che Teleconsys da anni ha intrapreso con l’Università. È infatti membro del Comitato UCBM-Imprese,  organo la cui attività ha come obiettivo la riduzione del “mismatching tra formazione teorica ed esigenze delle imprese, favorendo così un più rapido ed efficace inserimento degli studenti nel mondo del lavoro” e “il trasferimento tecnologico a favore delle diverse realtà industriali”.  

Teleconsys ha inoltre affidato all’Università il ruolo di Comitato Tecnico Scientifico per la supervisione e il monitoraggio valutativo del Piano Formativo Odyssey e alcuni progetti di R&S. 

La promozione del Master riflette la volontà di contribuire alla formazione di giovani laureati su temi che sono alla base di tutti i processi di innovazione digitale.

In occasione della giornata inaugurale del Master prevista per l’11 marzo, sarà presente anche il Ministro degli Interni, Luciana Lamorgese, a cui sarà conferito il premio “Sine Cura”. 

Nella Sala Conferenze PRABB interverranno oltre al Rettore Raffaele Calabrò, anche il Coordinatore scientifico del Master Homeland Security Marcella Trombetta, il Responsabile Security SNAM e  Presidente AIPSA Andrea Chittaro, il Direttore scientifico del Master in Homeland Security Prof. Roberto Setola. 

Sarà possibile seguire l’evento anche in diretta streaming. Puoi visionare il programma completo qui

www.MasterHomelandSecurity.eu 

www.unicampus.it

open-innovation-cluster-FVG

Teleconsys e l’Open Innovation: partnership con Mare FVG

open-innovation-cluster-FVG

Teleconsys estende la sua rete dell’Open Innovation ed entra a far parte del Maritime Technology Cluster FVG

Continua a leggere

Data protection

Semplificare i processi garantendo sempre la data protection

Semplificare processi

Una gaming company è riuscita a semplificare le procedure di accounting e logging garantendo la data protection.

Parliamo di un player italiano del gaming and lotteries che, come tutte le imprese del settore a cui appartiene, deve far fronte a una serie di vincoli molto stringenti sul fronte della data protection.

Vale a dire avere ricadute pesanti sulla semplicità d’accesso ai sistemi.

Il progetto curato da Teleconsys e pensato per rispondere a una sola esigenza, col tempo si è rivelato fondamentale per affrontare diverse sfide, dallo smart working alla cloud transformation. Parla Mirko Leanza, CISO & Cybersecurity Specialist di Teleconsys.

LEGGI L’INTERVISTA INTEGRALE 

Teleconsys sostiene il FAI – Fondo Ambiente Italiano

Teleconsys sostiene il FAI – Fondo Ambiente Italiano

Teleconsys sostiene il FAI – Fondo Ambiente Italiano attraverso l’adesione al programma di membership aziendale Corporate Golden Donor.

Teleconsys quest’anno ha deciso di sostenere il FAI – Fondo Ambiente Italiano attraverso l’adesione al programma di membership aziendale Corporate Golden Donor.

Il FAI, con il grande progetto di tutela del patrimonio artistico e naturale italiano, promuove un’ambiziosa sfida culturale: fare dell’Italia un luogo più bello dove vivere, lavorare e crescere i nostri figli. Teleconsys vuole essere vicina al FAI per realizzare tale iniziativa.

Infatti, il patrimonio paesaggistico e culturale, che il FAI salvaguarda e promuove, rappresenta un capitale unico al mondo.  Pertanto è una risorsa fondamentale su cui investire per far rinascere, sviluppare e valorizzare il nostro meraviglioso Paese.

Grazie al sostegno dei suoi numerosi aderenti, sia privati cittadini che aziende, il FAI da 45 anni tutela e gestisce 67 Beni su tutto il territorio nazionale.

Grazie al FAI molti siti sono stati salvati dall’incuria, restaurati, protetti e aperti al pubblico. Si tratta di importanti insediamenti storici, artistici e paesaggistici.

Ogni giorno il FAI si impegna a proteggere e rendere accessibili a tutti splendidi gioielli d’arte, natura e cultura disseminati nelle campagne, nelle città e sulle coste del nostro Paese. Un altro ambizioso obiettivo è quello di educare e sensibilizzare la collettività alla conoscenza, al rispetto e alla cura dell’arte e della natura.

Allo stesso modo il FAI vuole farsi portavoce delle istanze della società civile vigilando e intervenendo attivamente sul territorio.

Con il FAI, vogliamo un’Italia più tutelata e più bella.

Teleconsys e Wallix

Nuova partnership tra Teleconsys e Wallix

Teleconsys initial partner Wallix

Stringere una partnership, per Teleconsys, significa condividere il know how e le competenze specifiche per velocizzare il processo di innovazione.

Nel mondo odierno, sempre più complesso e in evoluzione, si presenta una nuova visione sul cambiamento, non più visto come un nemico da combattere, ma come opportunità da sfruttare per generare il successo.

Il futuro appartiene alle intelligence operations

In questo scenario, affinché un’organizzazione possa ottenere il massimo rendimento, dovrà adottare il paradigma di Intelligent Operations.

Vale a dire, agilità, flessibilità e capacità di risposta di cui le aziende hanno bisogno per procedere rapidamente verso il cambiamento e seguire una nuova direzione con sicurezza.

Tuttavia, l’adozione da parte delle organizzazioni di tecnologie digitali avanzate può comportare alcuni problemi.

Infatti, se da un lato ottimizzano le risorse, semplificano i processi e creano un vantaggio competitivo, dall’altro espone le organizzazioni a maggiori rischi di attacchi hacker.

In altre parole, è indispensabile mettere in atto strategie per la protezione e la corretta gestione dei dati aziendali.

Per rispondere a questa sfida e supportare i clienti nel raggiungere un maggior livello di sicurezza, Teleconsys ha siglato una nuova partnership tecnologica con Wallix.

Perché Wallix

Maurizio Di Pietro, Governance & Integration Focal point in Teleconsys, spiega i motivi di questa scelta:

“Fondendo le migliori tecnologie presenti sul mercato abbiamo individuato una blueprint tecnologica in grado di realizzare concretamente il paradigma adaptive security.

É un sistema di sicurezza integrato, modulare e scalabile basato anche sulla sinergia di tecnologie innovative quali Big Data Analysis ed Artificial Intelligence“. 

Per aiutare i propri clienti a soddisfare la compliance e garantire governance e sicurezza per l’infrastruttura IT, Teleconsys ha scelto PAM (Privilege Access Manager) di Wallix.

È una soluzione in grado di proteggere l’accesso, i dati e l’identità aziendale nel mondo digitale odierno. Inoltre, permette alle organizzazioni di proteggere i loro asset IT critici: dati, server, terminali e dispositivi connessi.

 

 

Teleconsys, come proteggere l’impresa estesa

Entra nel vivo la partnership tra Teleconsys, digital innovation company specializzata in consulenza strategica – e Okta con l’integrazione nell’offerta di sicurezza delle soluzioni di identity e access management. Ufficializzata lo scorso giugno, l’intesa nasce da un intenso lavoro preparatorio di selezione e valutazione con l’obiettivo di individuare le soluzioni più promettenti sul mercato. «Uno scouting continuo – spiega Mirko Leanza, CISO e cybersecurity specialist di Teleconsys – seguito da incontri con i vendor, demo, POC, benchmark interni, per selezionare il prodotto vincente per essere inserito a catalogo nell’offering di Teleconsys».

Leggi l’articolo integrale su http://www.datamanager.it/2020/10/teleconsys-come-proteggere-limpresa-estesa/

IOTA 2.0: superare il trilemma della blockchain

Cover IOTA 2.0

E’ disponibile su Amazon il libro IOTA 2.0: superare il trilemma della blockchain di Stefano Della Valle

IOTA è una straordinaria rete decentralizzata nata dai principi generali di Bitcoin, che ne supera i limiti funzionali aprendo la strada a una nuova generazione di applicazioni basata su reti distribuite. Questo libro analizza in modo comprensibile anche ai non tecnici le principali problematiche che limitano l’adozione delle reti blockchain e illustra le scelte architetturali che porteranno alla nascita della più innovativa rete decentralizzata mai realizzata.

Stefano Della Valle, esperto di sistemi informativi e reti, ha lavorato su progetti ad elevata criticità sin dagli anni ‘90. Si occupa di IoT e DLT dal 2015.

Lo trovi su Amazon al seguente link.

Virtual Reality Experience Festival 2020

Teleconsys è Official Partner del Virtual Reality Experience Festival 2020, una manifestazione internazionale che si terrà a Roma dal 16 al 18 ottobre.

L’edizione 2020 di VRE si adatta alla situazione internazionale e rivoluziona il suo formato, inaugurando un’edizione ibrida che introduce il digitale e mantiene alcune location fisiche con la convinzione che solo sperimentando l’esperienza “dal vivo” si possa apprezzarne il potenziale.

Accanto al digitale, quindi, VRE sarà presente al Maxxi con le VR Experience, a Villa Maraini (in collaborazione con Istituto Svizzero Roma) per alcune tra le più innovative Art Performing, nell’Aula Magna Unitelma Sapienza con alcune talk e Masterclass.

La VR Competition sarà invece fruibile su Piattaforma Veer VR e alcune Talk e Masterclass saranno in diretta streaming sui canali social del Festival e dei partner.

Ideato da Mariangela Matarozzo e prodotto dall’associazione culturale Iconialab, VRE nasce come festival interamente dedicato al mondo delle tecnologie immersive e del loro impatto sul nostro prossimo futuro. Il Festival è un perfetto crossover fra cultura e intrattenimento, luogo di innovazione e sperimentazione capace di coinvolgere il pubblico in maniera totalizzante e sensoriale.

Il programma accoglie opere immersive che esprimono al massimo il potere dell’arte della narrazione in tutte le sue forme. E’ presente il Cinema con la Selezione Ufficiale di opere in VR provenienti da ogni parte del mondo, la Cultura: alcune tra le voci più autorevoli animeranno le Talk e le Masterclass in momenti di approfondimento dedicati alle diverse declinazioni delle XR, Art Performances per una nuova espressione ed espansione multimediale.

VRE sarà tra le Risonanze della Festa del Cinema 2020: “avremo così l’occasione di ampliare l’orizzonte della nostra manifestazione verso le più avanzate frontiere della visione coinvolgendo il pubblico in nuove e inattese esperienze fra sperimentazione, interazione e immersione”, dichiara Laura Delli Colli – Presidente della Fondazione Cinema per Roma.

Agostino Angeloni, Presidente di Teleconsys, è membro del Comitato Scientifico del VRE, insieme a figure di alto livello, che condividono l’intenzione di creare in Italia un osservatorio capace di dialogare a livello internazionale.

Teleconsys applica queste tecnologie agli ambiti della formazione, manutenzione e assistenza aumentata, logistica, marketing e beni culturali, portando avanti progetti di innovazione digitale con i partner del proprio ecosistema.

Visita il sito ufficiale https://www.vrefest.com/

Marco Massenzi: come Teleconsys fa innovazione con le startup

Massenzi-Innovazione-Startup

Teleconsys, realtà con sede a Roma, si dedica allo sviluppo dell’innovazione e alla sua implementazione nelle organizzazioni.

Recentemente è diventata PMI innovativa e il suo approccio fa leva sul modello open innovation all’interno dell’ecosistema di innovazione tipico delle startup.

Startupbusiness ha chiesto a Marco Massenzi, amministratore delegato della società che occupa circa 70 persone e fattura 12 milioni di euro, in che modo Teleconsys sviluppa l’innovazione.

Ad esempio, gli ambiti principali sono la cybersecurity, le soluzioni per il remote working e le applicazioni basate su blockchain come quella che consente di certificare la sanificazione dei luoghi di lavoro.

Spiega Marco Massenzi: “Le nostre attività sono molto concrete e operative e si concentrano su tre aspetti che ritengo fondamentali per il successo di una startup: lo sviluppo agile e rapido del prodotto, la finalizzazione del relativo modello di business e la traction, cioè la validazione da parte del mercato del prodotto“.

Segue: “La contaminazione con le startup ha generato importanti ricadute positive anche su altri fronti: ha accelerato il processo di change management interno e ha innalzato la reputazione dell’azienda. Infatti, siamo stati capaci di aggregare intorno a noi attori eterogenei dell’innovazione valorizzandone le competenze e soluzioni. Ha attratto giovani talenti, che hanno deciso di lavorare in Teleconsys per il suo dinamismo e il suo lateral thinking“.

“Inoltre, la visione e la capacità di anticipazione delle startup, ci ha permesso di anticipare il mercato e di rappresentare per i nostri clienti un punto di riferimento per intraprendere il viaggio verso la digital transformation e la successiva digital evolution…”

Sei interessato e vuoi continuare la lettura?

LEGGI L’INTERVISTA INTEGRALE SU: www.startupbusiness.it